DD DON MILANI TERNI

Il Dirigente Sinibaldi nella commissione del progetto/concorso “PretenDiamo Legalità”

 
Il Dirigente Sinibaldi nella commissione del progetto/concorso “PretenDiamo Legalità”

Si è riunita nella sede della Questura di Terni in via Roberto Antiochia, la commissione che ha decretato i lavori vincitori, per la Provincia di Terni, della 5^ edizione del progetto/concorso “PretenDiamo Legalità” per l’anno scolastico 2021/2022, destinato agli alunni della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado.
Il progetto, realizzato in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, ha l’obiettivo di educare alla legalità attraverso la diffusione della cultura dei valori civili, quali il rispetto delle regole, la solidarietà e l’inclusione, che rappresentano fondamentali punti di riferimento per la crescita dei cittadini di domani e per la costruzione di una società giusta ed equa.
L’apposita commissione, nominata e presieduta dal Questore di Terni Bruno Failla, è formata dal Vice Questore Vicario Luca Sarcoli, dal Dirigente della Divisione Anticrimine Marco Fischetto, dal Dirigente della Direzione Didattica “Don Milani” Luigi Sinibaldi rappresentante dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Umbria, dalla neuropsichiatra infantile rappresentante del Servizio di Neuropsichiatria Infantile e dell’Età Evolutiva di Terni Valentina Rapaccini, dal Sovrintendente Capo Maria Rita Fiore e dall’Agente Scelto Tecnico Roberta Gelsomini dell’Ufficio Minori e dall’Assistente Capo Tecnico Vanessa Dello Stritto in servizio presso l’Ufficio di Gabinetto.
Hanno individuato un lavoro per ogni categoria, rispettivamente per le scuole primarie e per le scuole secondarie, tenendo conto sia della pertinenza ai temi proposti, che della creatività ed originalità di espressione.
I lavori selezionati sono stati inviati al Ministero dell’Interno per la selezione finale e la proclamazione dei vincitori a livello nazionale.
“Ai nostri ragazzi, che difenderanno i colori della Provincia di Terni vanno i migliori auguri da parte di tutta la Questura”.


Leggi l’articolo su Terninrete.it